Recinzione elettrica per cinghiali: il metodo migliore per non farli avvicinare

recinzione elettrica per cinghialiLa recinzione elettrica per cinghiali è il metodo dissuasivo migliore per allontanare o comunque per non far avvicinare questi animali molesti al nostro orto.
Gli altri metodi di cui abbiamo parlato nell’articolo “dissuasori per cinghiali” non vantano la stessa efficacia. Se si è alla ricerca di un sistema al 100% sicuro, la recinzione è ciò che fa per te. A patto ovviamente che tu possa installarla nel tuo terreno.
Precisiamo che nonostante si parli di elettricità, il cinghiale non viene comunque ferito o ucciso dalla scossa ricevuta. Di conseguenza ciò che riceve possiamo definirlo un “fastidio” che lo convince a non provare ad oltrepassare il recinto. Quindi vi è da star tranquilli poiché non ci sono conseguenza per l’animale che sarà libero di andare altrove, di certo non più nel tuo orto. 

Recinzione elettrificata per cinghiali: di cosa abbiamo bisogno?

Di seguito elenchiamo tutti gli strumenti di cui abbiamo necessariamente bisogno per la realizzazione del nostro recinto elettrificato per cinghiali.
Precisiamo la recinzione allontana anche altri animali molesti, però in base all’animale bisogna realizzare un recinto più alto (quindi optare per pali più alti).

  • Elettrificatore: il cuore della recinzione elettrica per cinghiali; per infastidire questi animali molesti è il caso che la potenza di tali strumenti sia superiore a 5000 Volt (non prendere modelli inferiori perché c’è il serio rischio che siano del tutto inefficaci contro i cinghiali). A tal proposito noi consigliamo l’elettrificatore Voss Farming da 10000 V [puoi acquistarlo qui]. Possiamo rassicurare sul fatto che anche l’uso da 10000 V non uccide o ferisce l’animale.
  • Presa di terra: ci protegge dalle folgorazioni.
  • Conduttori (ovvero cavi o fili): precisiamo che la conduttività dipende dal numero dei fili all’interno del conduttore scelto. Quindi, più ve ne sono e maggiore è tale conduttività. Però c’è da dire che aumenta pure il prezzo. Noi per i cinghiali consigliamo questo filo.
  • Paletti: se ne possono acquistare di diverso materiale e il numero dipende dalla grandezza del terreno. Solitamente quelli in plastica vanno messi a 3-4 metri di distanza l’uno dall’altro. Quelli in legno o in metallo a 5-6 metri. Per cinghiali vanno bene pali alti anche 75 cm tra cui consigliamo questi (sono dotati di un pratico puntale per rendere più semplice l’installazione).
  • Isolatore: per evitare un corto circuito è necessario l’acquisto degli isolatori [puoi comprare questi, ad esempio].

Come realizzare un recinto elettrificato per cinghiali?

Adesso passiamo alla parte più pratica. Dopo aver acquistato tutto il necessario vediamo i vari step che ci portano alla realizzazione della nostra recinzione elettrica per cinghiali.

  • Installazione dei pali: come detto il numero dei medesimi varia in base alla grandezza del recinto che vuoi costruire.
  • Montaggio degli isolatori sui pali.
  • Passaggio dei conduttori: i fili solitamente vanno messi ad una distanza da terra di circa 25 cm, mentre una seconda fila di cavi va posta a 50 cm dalla prima.
  • Collegare l’elettrificatore: a meno che tu non abbia acquistato i tenditori (servono per aumentare la trazione del filo).
  • In quest’ultimo caso prima devi installare i tenditori e dopo colleghi l’elettrificatore sia al recinto che alla presa di terra.

Questi i pochi passaggi da seguire per l’installazione della recinzione elettrica per cinghiali. La realizzazione del recinto elettrico non è molto complicata, ma neanche semplicissima. Per questo se pensi di non esserne in grado meglio affidarsi a chi è più esperto di te o magari guardare online più video che mostrano direttamente come fare.